CAVALCA L’ONDA DIGITALE SE NON VUOI DIVENTARE UNA CATTEDRALE NEL DESERTO

Attorno alle grande industria Italia oggi ruotano moltissime piccole aziende, attività a conduzione familiare, negozi, botteghe aziende locali e professionisti di vario tipo.

Solitamente avviate da persone intraprendenti,  creativi, artigiani, persone brave con le mani, che sanno fare bene il proprio lavoro;persone che hanno trasformato una visione o   passione nella loro professione.

Persone fiere ed indipendenti, abituate a guadagnare da vivere grazie al proprio ingegno e la propria fantasia,
persone che  producono direttamente ciò che vendono.<
Queste Persone purtroppo hanno ereditato dal passato una serie di linee guida e di credenze che gli hanno impedito di guardare oltre alla prigione d’oro che si sono costruiti da soli.
La maggior parte di loro non pensa a se stessi come ad un imprenditore.
Anche se oggi, aprire un attività anche piccola equivale ad aprire un’impresa a tutti gli effetti.
Il principale male che affligge i titolari di  PMI, gli artigiani , i piccoli imprenditori, oggi non è la scarsa capacità organizzativa, la concorrenza dei cinesi, il fisco, il costo del personale, la burocrazia etc
Ma è la scarsa competenza per quanto riguarda marketing e comunicazione.
Non conoscendo queste materie molto spesso basano la propria strategia sulla qualità, sul passaparola e sull’abbassare i prezzi.
Ma quando crei una azienda, i tuoi primi obbiettivi dovrebbero essere quello di comunicare in modo efficace chi sei, cosa fai, differenziarti e far percepire il tuo valore e la tua unicità, nel posto giusto, al momento giusto, nel canale giusto, alle persone giuste.
Se gli obiettivi primari non sono questi non riuscirai a guadagnare bene con il tuo lavoro.
Sono loro  stesso a limitare la loro capacità di far crescere le proprie aziende.
Si tratta di una limitazione mentale presente nella testa di tanti piccoli imprenditori.
Ci sono moltissime imprenditori di talento, che finiscono per fallire perché non hanno assolutamente idea di cosa vuol dire fare impresa, non sanno come fare un business plan.
Non hanno idea di cosa significhino parole come:
  • Modello di business
  • Brand Positioning
  • Brand Awerness
  • Lead genation
  • Conversion Funnel
  • CRM etc
E soprattutto perché invece di seguire un piano di marketing si preoccupano solo di lavorare per produrre prodotti di qualità.
Alcune mosche bianche sono riuscite a sopravvivere e a stare in piedi lo stesso, ma la maggior parte, nonostante il loro impegno, arranca, si indebita o chiude l’attività!

Perché erroneamente credono di poter vincere sul mercato soltanto grazie alla loro estrema bravura o alla conoscenza della materia in cui operano, senza rendersi conto che questa visione miope li ha portati a diventare delle bellissime Cattedrali nel Deserto.

CATTEDRALI NEL DESERTO

 

Purtroppo italiano medio italiano è cresciuto con la convinzione che basti essere bravi e lavorare sodo nel proprio lavoro e che il resto verrà da sé, sono convinti che i clienti arriveranno da soli se c’è la qualità.
La loro abilità tecnica li fa sentire al sicuro, seduti sul trono di una Cattedrale bellissima.
Peccato che questa Cattedrale si trovi nel bel mezzo di un deserto dove da tempo non passa più nessuno, e nel quale nessuno li nota se non qualche viandante che si troverà a passare di lì per caso.
In Italia, questa è la situazione tipica in cui si trovano anche start up e aziende storiche.

LE START-UP

La maggior parte degli imprenditori che avvia una start up, mosso da una passione irrefrenabile investe tutto le risorse per acquistare attrezzature di ultima generazione o l’arredato del nuovo studio/showroom, finendo velocemente i fondi per il marketing.
Per poi finire ad aspettare che arrivi un ordine dentro il loro nuovo bellissimo laboratorio nella speranza che qualcuno prima o poi li noti e che si renda conto della loro valore.

AZIENDE STORICHE

Le aziende e gli imprenditori che hanno vissuto l’epoca d’oro degli anni ottanta e novanta, sono ancora convinti, a causa della loro lunga presenza sul campo che il buon nome che si sono creati negli anni e la loro storia aziendale saranno più che sufficienti per andare avanti verso il futuro, nonostante i numeri raccontano un altra verità.
Entrambe start-up e aziende storiche, sono destinate ad essere travolti dai continui e repentini cambiamenti, di un mercato che non fa più sconti a nessuno.
Fino a 10 anni fa potevi anche sbagliare ed il mercato ti perdonava qualche errore e avevi abbastanza tempo per recuperare, ma oggi non è più così.
Siamo entrati in un nuovo mercato che ha nuove regole dove la competizione è aumentata e le aspettative dei clienti sono sempre più alte.
In questo contesto non ci sono più le mezze misure, o ti adegui al cambiamento e lo sfrutti a tuo vantaggio o finisci per subirlo.
Ci sono solo 2 possibilità: o vinci o perdi!
Oggi non basta più essere bravi, avere un buon prodotto o dare un buon servizio questo cose sono date per scontate dal mercato, non è più sufficiente fare pubblicità con i canali e strumenti che usavi in passato con successo, perché oggi semplicemente non funzionano più.

LA VERA CAUSA

Questa situazione non è colpa tua, non sei tu che l’hai causata.

Il problema è che ti hanno fatto credere che per farcela sarebbe bastato impegnarti molto, studiare e lavorare,lavorare lavorare.
Tu ti sei messo a testa bassa a studiare tutto quello che dovevi senza accorgersi che ti stavano facendo sprecare tempo ed intelligenza ad imparare cose che non ti sarebbero servite.
Non discuto l’importanza di conoscere cose come la Divina Commedia di Dante, la storia della Roma Imperiale, il Teorema di Pitagora, l’evoluzione della specie, il sistema solare etc
Ma in tutto il percorso scolastico e durante la gavetta per diventare artigiano
Non ti anno mai fatto studiare materie come, Comunicazione, Tecniche di Vendita,
Modelli di Business, Gestione del Tempo, Problem Solving etc
Per questi adesso non sai neanche da dove iniziare, per far ripartire la tua attività.
I più furbi hanno cercato di rubare da i big o da concorrenti che avevano successo, quelle azioni che viste dall’esterno sembravano funzionare bene.
Altri hanno fatto pubblicità usando volantini, cartelloni, annunci su giornali, radio e TV hanno aperto un sito vetrina e una pagina Facebook, senza ottenere grandi risultati
Questo a causa della mancanza di quelle competenze fondamentali necessarie per riuscire a capire come usare i nuovi canali e strumenti di comunicazione e promozione efficacemente.

PMI 4.0

Oggi alle PMI serve una STRATEGIA DI MARKETING INTEGRATA

Il Digitale è un’arma formidabile anche in mano ad un’azienda nuova sul mercato.

Adottando un modello di business che integri anche il marketing digitale può farti ottenere gli stessi risultati che un’azienda tradizionale riusciva a raggiungere dopo 10 anni di battaglie sul mercato.
Nonostante sul mercato ci siano molti più concorrenti di prima, il livello di competenza sul marketing strategico con cui ti devi confrontare è così basso.
Che paradossalmente ti trovi nella situazione ideale per diventare ultra competitivo
Perché procurandoti gli strumenti giusti e pianificando strategie efficaci puoi facilmente distinguerti dalla massa, puoi dominare il mercato e accaparrarti i clienti migliori
Torna su